Tutti i documenti necessari per adempiere all’RGPD

Dimostrare l’adempimento al nuovo regolamento sulla privacy (RGPD) sarà uno dei requisiti che le aziende dovranno necessariamente documentare, e la compilazione di tali documenti per dimostrare di avere le procedure necessarie in caso di richiesta dal garante.

 

Di sotto elenchiamo i principali documenti richiesti dal regolamento:

Valutazione d’impatto sulla protezione dei dati (DPIA)

L’RGPD afferma che le valutazioni d’impatto sulla protezione dei dati (in inglese DPIAs) sono necessarie per i progetti che “possono comportare un alto rischio per i diritti e le libertà delle persone fisiche”.

Compilando le DPIAs, è possibile identificare ed esaminare gli effetti potenziali sulla privacy e sul rispetto della legislazione sulla protezione dei dati. Il gruppo di lavoro dell’articolo 29 ritiene che i DPIA dovrebbero sempre essere creati prima di diventare parte di un approccio proattivo “privacy by design”.Moduli per richiedere il consenso

Moduli per richiedere il consenso

I moduli di consenso al trattamento dei dati potrebbero essere particolarmente difficili da creare poiché ci sono molte sfumature sul modo in cui i dati devono essere raccolti e memorizzati.

Questi sono i punti da considerare quando si creeranno i moduli di approvazione per il consenso dei dati:

  • Richiedi il minor numero possibile di dati
  • Rendere i termini e le condizioni chiare per i clienti
  • Rendere più facile ritirare il consenso
  • Doppia autorizzazione

Descrivere il ruolo del responsabile della protezione dei dati (RPD)

Anche per i casi dove non sia richiesto specificamente la nomina di un RPD, il Gruppo dei Garanti UE, con la pubblicazione dell’art. 29, lo consiglia vivamente come prassi generale per la gestione dei dati.

L’RGPD non specifica i requisiti per il Responsabile della Protezione dei Dati, ma tuttavia l’articolo 29 già citato elenca alcuni requisiti minimi riguardanti l’esperienza e le competenze di un RPD

Una procedura per le notifiche di violazioni dei dati

Una violazione dei dati comprende sia il furto di dati sia qualsiasi violazione che porta alla distruzione, alla perdita, alla modifica, alla divulgazione o all’accesso di dati personali non autorizzati. Le aziende hanno 72 ore per comunicare ad utenti e autorità garanti le violazioni avvenute

L’RGPD non prescrive il modo in cui bisogna notificare una violazione. Spetta ad ogni azienda sviluppare le proprie politiche interne in merito a come comunica le violazioni agli utenti.

Modulo e procedure di richiesta d’acceso

Nell’RGPD le aziende devono garantire gli utenti:

  • Conferma che i propri dati sono in fase di elaborazione
  • Accesso ai propri dati personali
  • Altre informazioni supplementari (per lo più le informazioni fornite in segnalazioni sulla privacy)

Corsi di formazione

Le aziende dovranno scegliere se formare del personale internamente oppure rivolgersi ad agenzie esterne; in ogni caso, l’RPD qualificato tramite corsi autorizzati avrà sbocchi professionali quasi illimitati.

Ecco perché consigliamo a tutti di valutare il conseguimento della qualifica di RPD.

Corsi di formazione certificati al nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati (RGPD)

I nostri corsi di formazione sia Base sia Professionali sono certificati ISO 17024 e ti qualificano alla gestione dei dati all’interno della tua azienda, fornendoti le conoscenze necessarie per applicare al meglio il nuovo RGPD ed adempiere in modo responsabile a tutte le regole da esso richieste.

 Iscriviti Ora>>

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.